La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo con l’avvio dei Panel dei cittadini. Tra le modalità di consultazione previste nell’ambito delle Conferenza sono infatti stati istituiti 4 Panel che riuniranno 200 cittadini ciascuno sui seguenti temi:

  1. Un’economia più forte, giustizia sociale e occupazione / Istruzione, cultura, gioventù e sport / Trasformazione digitale
  2. Democrazia europea / Valori e diritti, Stato di diritto, Sicurezza
  3. Cambiamento climatico e ambiente / Salute
  4. L’UE nel mondo / Migrazione

I membri dei Panel sono stati selezionati in modo casuale. Ogni panel è pertanto composto da uno stesso numero di donne e uomini e ha una rappresentanza proporzionale tra europei provenienti da aree urbane e rurali. Infine i giovani di età compresa tra i 16 e i 25 costituiranno un terzo dei membri.

Questi cittadini, sulla base delle questioni emerse negli eventi organizzati in tutta l’UE e le idee presentate tramite la piattaforma della Conferenza , presenteranno ulteri proposte e raccomandazioni che alimenteranno le delibere generali della Conferenza, in particolare le sessioni plenari, e infine il rapporto sui risultati finali.

Le prime sessioni di tutti e quattro i Panel si svolgeranno tra il 17 e il 19 settembre nei locali del Parlamento europeo a Strasburgo.

La seconda serie di sessioni si terrà in formato remoto per tutto il mese di novembre, mentre la terza e ultima sessione avrà luogo nel dicembre 2021 e gennaio 2022 presso i seguenti istituti di istruzione:

  1. Dublino, Irlanda – Istituto di Affari Internazionali ed Europei e partner;
  2. Firenze, Italia – Istituto Universitario Europeo;
  3. Natolin (Varsavia), Polonia – Collegio d’Europa;
  4. Maastricht, Paesi Bassi – Istituto europeo di amministrazione pubblica e partner.

Ulteriori informazioni sui panel dei cittadini europei sono disponibili qui, mentre il calendario previsionale della Conferenza è disponibile qui.