Obiettivo:

Nell’ambito del bando 2019 per progetti transnazionali, relativo al Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI/AMIF), il presente bando mira a facilitare l’identificazione precoce delle vittime della tratta provenienti da paesi terzi, fornire loro assistenza e sostegno tenendo conto delle esigenze specifiche delle vittime e facilitando la loro integrazione nella società ospitante, nonché facilitare il rimpatrio volontario sicuro e garantire soluzioni durature per i minori vittime di tratta.

Azioni finanziabili:

Le azioni finanziabili sono le seguenti:

  • assistenza transnazionale concreta e misure di sostegno che tengano conto del sesso e dell’età delle vittime e delle conseguenze della forma di sfruttamento cui sono state sottoposte, anche per quanto riguarda la salute e il sostegno psicologico, con l’obiettivo di consentire e facilitare l’integrazione delle vittime nella società.
  • misure concrete dirette a beneficio delle vittime, tra cui: istruzione, formazione linguistica, formazione professionale, programmi di apprendistato, servizi di collocamento, valorizzazione delle competenze, formazione e tutoraggio sul posto di lavoro e formazione all’imprenditorialità.
  • iniziative per istituire e migliorare la cooperazione transnazionale tra attori pertinenti per l’identificazione, l’assistenza e il sostegno precoce delle vittime – anche minorenni – per la loro integrazione e per il loro rimpatrio volontario sicuro e assistito, al fine di facilitare gli scambi di esperienze e migliori pratiche.
  • condivisione e scambio di esperienze, informazioni, conoscenze e migliori pratiche sull’integrazione delle vittime di tratta, sul loro ritorno volontario e sicuro e su soluzioni durature per le vittime minorenni.

 

Soggetti eleggibili:

Il bando è aperto a enti pubblici e enti privati non-profit stabiliti negli Stati UE (esclusa la Danimarca in quanto unico Paese UE che non partecipa al Fondo).

Le proposte devono coinvolgere almeno 2 partner stabiliti in 2 diversi Stati UE.

Risorse finanziabili:

Il bando ha una dotazione finanziaria complessiva di 2.550.000 euro.

Il contributo UE potrà coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili, e dovrà essere compreso tra 300.000 euro e 600.000 euro.

 

Durata:

I progetti proposti devono avere una durata massima di 24 mesi, con inizio indicativamente tra dicembre 2020 e gennaio 2021.

 

Scadenze:

La scadenza per l’invio delle proposte è fissata al 30 gennaio 2020, ore 17.00 (ora di Bruxelles).

 

Link: